Rassegna - 2021

Premio Architetto Italiano assegnato a Franco Tagliabue e Ida Origgi

Il Premio Architetto Italiano è il più importante riconoscimento nazionale per l’architettura; è promosso dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori e quindi rappresenta tutto l’universo degli architetti italiani che, in numero pari a circa 150.000 professionisti, è il più consistente d’Europa, rappresentando quasi un terzo degli architetti del Continente.
Il Premio intende offrire un contributo alla discussione portando all’evidenza i lavori delle architette e degli architetti italiani che rispondano alle caratteristiche in discussione in tutta Europa.
L’iniziativa persegue lo scopo di dare visibilità al Professionista o allo Studio che si ritiene rappresenti un’eccellenza tecnica e professionale e che abbia saputo raccogliere le sfide che l’architettura contemporanea impone oggi, attraverso un approccio etico e innovativo alla professione.
È in corso un nuovo progetto culturale europeo che va oltre le finalità ambientali ed economiche.
L’Europa si interroga su quali siano le soluzioni progettuali più efficaci per ottenere spazi inclusivi, accessibili, sostenibili e rigenerativi dal punto di vista ambientale e ‘belli’. Bello assume diversi significati che traguardano la dimensione formale includendo creatività, arte, cultura. Ne deriva una ampia e diffusa riflessione sul valore del progetto e, di conseguenza, sulla funzione determinante dei professionisti che lo pensano e realizzano.

La comunicazione dell’esito e la consegna dei Premi è avvenuta nel Palazzo sede della Biennale di Venezia a Ca’ Giustinian, il 5 novembre 2021 nell’ambito della “Festa dell’Architetto 2021” è stato assegnato a ifdesign il Premio Architetto dell’Anno 2021, attraverso un giudizio ampio sulla storia professionale dello studio, il profilo culturale, la qualità della produzione completa, il valore etico e il livello internazionale del profilo.

Studio ifdesign
Franco Tagliabue Volonté e Ida Origgi si laureano al Politecnico di Milano. Fondano nel 2002 lo studio ifdesign, che opera nel campo della riqualificazione urbana e dell’architettura costruita residenziale e non, con particolare attenzione ai temi sociali e collettivi, attraverso un'architettura che si pone al servizio della collettività.

Filosofia dello studio
L’impronta nel paesaggio della cultura di un popolo si manifesta attraverso l’architettura, nelle piccole così come nelle grandi opere, dove risiede il benessere ma anche e forse ancor più nelle condizioni di necessità.
Investire nelle idee significa riconoscere la bellezza come diritto non esclusivo ma condiviso e corrisponde alla capacità di trasformare una condizione di difficoltà in fattore positivo, seppure in condizioni economiche non vantaggiose.
Il futuro si rappresenterà in ambienti sempre più ristretti e la coabitazione di più funzioni, desiderata o coatta, già da ora è la condizione entro la quale occorre concepire gli spazi.
L’opera dello studio si contraddistingue, a partire da questi presupposti, per la capacità di generare interazione e alimentare inclusione ed interazione. 
L’attività professionale è accompagnata da sempre da attività di ricerca e pubblicazioni, oltre a quella della divulgazione e dell’insegnamento.
FTV è professore di Progettazione Architettonica al Politecnico di Milano, visiting professor e lecturer in molte università internazionali.
Attualmente coordina il programma “Rural Urban” della Universidad Tecnologica Particular de Loja in Ecuador che si occupa della riqualificazione dei quartieri informali della città andina anche attraverso la progettazione e costruzione di spazi pubblici, come quello realizzato all’interno del Barrio di San Cayetano Alto nel 2019.
FTV è autore di libri, articoli e saggi, tra cui “Per Forma”, “Lo Spazio Sociale”, “Stem Procedure” sulla seconda emergenza post-sisma e “Fragmentos de un discurso Arquitectonico” sul tema degli insediamenti informali.

Premi e riconoscimenti
I lavori di ifdesign sono stati esposti a Barcellona, New York, Toronto, Shanghai e Tokyo e lo studio è stato più volte chiamato a rappresentare la nuova architettura italiana nelle più importanti esposizioni internazionali.
Lo studio è stato invitato alla “2009 Shenzhen/Hong Kong Biennale for Urbanism and Architecture” sul tema dello spazio pubblico e ha partecipato a più edizioni della Biennale di Venezia.
Tra i progetti, quello dei Laboratori e Centro Socio-Educativo è stao anche nominato al Premio Mies 2022 e vincitore della Menzione Nazionale al Premio Inarch 2021, mentre il centro civico vince nel 2012 il primo premio all’Ecola European Award di Berlino ed è finalista alla Medaglia d’oro.
Tra gli altri progetti il Cluster Cereali e Tuberi ad Expo 2015 (con A. Rocca), la Wigglyhouse (primo premio al CID Award di Chicago), la scuola di teatro e centro espositivo Zona K a Milano, mentre tra gli spazi pubblici realizzati la riqualificazione paesaggistica del Muro di Sormano e la Piazza Nera Piazza Bianca a Giussano, che vince Honourable Mention of the Jury al European Prize for Urban Public Space del CCCB di Barcellona nel 2006.
Molti i progetti premiati in concorsi internazionali tra i quali il secondo premio per il Teatro Romano di Aosta, il primo premio per il progetto per la palestra di Gorizia. Tra i progetti in corso il nuovo comparto scolastico Palermo Sud, vincitore di un concorso nel 2018.

Link
http://www.awn.it/attivita/concorsi-e-premi-cnappc/premi-festa-dell-architetto/8754-premi-architetto-a-italiano-a-e-giovane-talento-2021 
www.ifdesign.it 

Motivazioni della Giuria: La giuria decide di conferire il premio Architetto Italiano 2021 allo studio Ifdesign, formato dagli architetti Franco Tagliabue e Ida Origgi. Lo studio, fondato nel 2002, opera nel campo della riqualificazione urbana e dell’architettura costruita con particolare attenzione ai temi sociali e collettivi. Sviluppa negli anni con coerenza e rigore  disciplinare un’attività progettuale che si è sempre confermata attenta nell’uso innovativo ed espressivo della materia che sostanzia ogni loro realizzazione.
Un approccio raffinato, intelligente e low-tech. Progetti sempre generosi, in grado di restituire spazi e luoghi di estrema qualità e ricchezza architettonica. 
ifdesign è ad oggi impegnato nel programma “Rural Urban” del Politecnico di Milano e della Universidad Tecnologica Particular de Loja in Ecuador, che si occupa della riqualificazione dei quartieri informali della città andina anche attraverso la progettazione e costruzione di spazi pubblici, come quello realizzato all’interno del Barrio di San Cayetano Alto nel 2019.

Due tesi AUIC (corsi di studio BEI e LLH) hanno ricevuto una menzione speciale alla Biennale di Paesaggio di Barcellona

Congratulazioni alle tesi AUIC (BEI e LLH) che hanno ricevuto una menzione speciale alla Biennale di Paesaggio di Barcellona dei nostri laureati: Francesca Porro, Monica Moschini, Alessandra Paparcone, Ida Orlando, Valeria Rellori, Giulia Stecchi, Cong Dinh Huynh.

Questo il commento della Giuria:
The work from Politecnico di Milano made it to the shortlist of many members of the jury. The work is articulate and beautifully thorough, delivering engineering solutions that are poetic rather than prosaic.  Representations allowed the jury to see how entities in the landscape might work together.  The proposals are timely in their focus on climate change-driven water issues, both too much and too little, and speculate about creating a balance of the two throughout the year. The level of understanding of constructed and natural regional water systems, combined with clear and compelling drawings, grounded their proposals and imbued the work with a high level of design resolution.

maggiori dettagli: 
https://landscape.coac.net/en/noticies/veredict-international-landscape-schools-prize-2021-banc-de-sabadell-foundation

To top

Reinventing Cities for Students: premio assegnato a due studenti di Ingegneria Edile - Architettura

Congratulazioni ai nostri studenti di Ingengeria Edile -Architettura per l'ottimo risultato.
Descrizione del progetto vincitore: Faubourgs Area (South of sector) | Winning projects | Students Reinventing Cities | Reinventing Cities (c40reinventingcities.org)

Team vincitore: ELA
Membri del team: Eva Lannoy, Antoine Perveyrie, Lisa Schillinger - Scuola AUIC Politecnico di Milano
Advisor: Francesco Pittau - Assistant professor, PhD Politecnico di Milano, Dipartimento ABC, Architettura, Ambiente costruito e Ingegneria delle costruzioni

La proposta mira a raggiungere la neutralità carbonica per il quartiere Sud des Faubourgs. Il team sviluppa edifici efficienti in termini di energia, utilizzando isolanti efficienti, tetti verdi e producendo energie verdi sul sito. C'è una scelta meticolosa di materiali da costruzione, scegliendo materiali a base biologica che possono essere prodotti vicino al sito al fine di ridurre l'impronta di carbonio.
Il team vuole dare energia al quartiere da un punto di vista socio-economico creando sacche di attività economica e luoghi di aggregazione sociale. Il progetto consiste in un padiglione che fornisce uno spazio caldo durante l'inverno, strutture in serra che offrono bar e cibo di strada. L'intervento prevede anche la realizzazione di una struttura a cupola con interni caldi e benefici della radiazione solare. Tutte le scelte progettuali rispettano l'identità del luogo e tengono conto del clima specifico di Montreal.

Componenti chiave:

  • Creare un quartiere sostenibile che miri alla neutralità del carbonio attraverso l'efficienza degli edifici, le energie rinnovabili, il miglioramento della mobilità attiva e a basse emissioni di carbonio, i prodotti in cortocircuito e il miglioramento della gestione dei rifiuti.
  • Valorizzare il paesaggio costruito e naturale: valorizzare gli edifici storici, ripristinare l'accesso al fiume, creare parchi e spazi verdi pubblici e riqualificare il lungomare.
  • Promuovere l'economia locale e la vita sociale creando attività economiche, centri di artisti e spazi culturali.

NEW EUROPEAN BAUHAUS PRIZES 2021 - PREMIATI ANCHE I PROGETTI DI DUE GRUPPI DI ALUMNI DEL POLITECNICO DI MILANO

Nell’ambito del New European Bauhaus, la Commissione Europea ha assegnato i New European Bauhaus Prizes 2021, un riconoscimento per progetti che rappresentano i valori di sostenibilità, estetica e inclusione. Riservati a giovani talenti sotti i 30 anni, dieci premi Rising Stars del valore di 15.000 € ciascuno. Tra questi anche due progetti di alumni del Politecnico di Milano, laureati in Ingegneria Edile-Architettura:

  • “Porto di Mare Eco-District” di Tommaso Mauri, Maria Coraly Mazzucchelli ed Elena Sala, vincitore del New European Bauhaus Rising Stars nella categoria “Regenerated urban and rural spaces”
    È un progetto di riqualificazione dell'area metropolitana tra Milano e le campagne limitrofe, oggi inquinata e caratterizzata da un forte degrado. Il masterplan dell'ecodistretto è stato elaborato ricorrendo ad algoritmi e a un approccio di modellizzazione a più livelli per integrarvi i requisiti ambientali, economici, sociali e culturali, con l’obiettivo di rendere Porto di Mare un quartiere autosufficiente, in cui gli abitanti abbiano facile accesso a tutti i servizi, dai generi alimentari alle scuole, dagli impianti sportivi ai trasporti. Il metodo utilizzato sarà poi applicabile in altri contesti urbano-rurali simili.
  • “Retrofitting the UNESCO site of Ivrea” di Giuseppe Galbiati e Fortunato Medici, vincitore del New European Bauhaus Rising Stars nella categoria “Preserved and transformed cultural heritage”
    È un progetto che mira a sviluppare una strategia di ammodernamento di edifici già esistenti, contemporaneamente migliorandone le prestazioni termiche e preservandone il valore e il carattere culturale. Il metodo verrà testato su tre edifici emblematici di Ivrea, patrimonio UNESCO: la Fabbrica di Mattoni Rossi, le Officine ICO e il Palazzo Uffici Olivetti.  Il progetto coinvolgerà la partecipazione dei cittadini e riporterà in vita i vecchi edifici industriali. Il processo prevede cinque fasi: indagine architettonica per immaginare soluzioni progettuali coerenti; analisi tecnologica; diagnosi termica; proposte e confronto delle matrici.

To top

Due importanti riconoscimenti per la Scuola AUIC: Bee Breeders e BAM premiano la nostra Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni

La Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni del Politecnico di Milano ha recentemente riportato due ottimi risultati a livello internazionale.

Nel Bee Breeders Architecture University Ranking, gli studenti della Scuola si sono classificati al secondo posto per numero di partecipazione a competizioni.

Bee Breeders è uno dei principali organizzatori di concorsi di architettura al mondo, soprattutto rivolti agli studenti, che cerca designer creativi e innovativi per le sfide del mondo di oggi.

Il secondo riconoscimento è per il nostro Corso di Studio di laurea Magistrale “Architecture and Urban Design/Architettura e Disegno Urbano”, che si è collocato al 12° posto nel BAM-Best Architecture Masters Ranking 2021.

Si tratta di un ranking che classifica diversi corsi di laurea magistrale delle migliori scuole di architettura secondo l'attuale edizione del QS Ranking by Subjects – Architecture / Built Environment, oltre ad altri rilevanti ranking globali, come il Design Intelligence Rankings e The Guardian University Guide.

22 università sono state selezionate dal comitato di esperti, formato da 15 professori provenienti da alcune delle migliori università classificate. I corsi sono stati confrontati e valutati attraverso la Metodologia BAM, formata da indicatori universali per la valutazione delle prestazioni formative, e validata dal Comitato di Esperti.

To top

CLASSIFICA CENSIS: PoliMi in pole position con le Lauree Magistrali AUIC dell’area dell’Architettura

La Classifica Censis delle Università Italiane 2021/2022

Nella classifica di quest’anno il Politecnico di Milano si è confermato al 1° posto tra i Politecnici italiani. In particolare, le lauree magistrali dell’area architettura e ingegneria civile, architettura del paesaggio, pianificazione territoriale urbanistica e ambientale, ingegneria dei sistemi edilizi del Politecnico di Milano si sono classificate al primo posto in Italia. La scala di punteggio (da 50 a 110) riguarda tre parametri: punteggio generale (109,5); progressione di carriera (110); rapporti internazionali (109)

News Censis
Alumni Polimi

To top

Studenti magistrali di Architettura vincono il Premio Marco Biagi del Comune di Milano | PREMIATA LA TESI DI MARIANNA ARCIERI E RICCARDO BARGNA

Marianna Arcieri e Riccardo Bargna della Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni si sono aggiudicati il premio Marco Biagi 2020, istituito dal Comune di Milano, con la loro tesi di Laurea Magistrale in Architettura “Abitare diffuso. Un modello sostenibile per la terza età” (relatore: prof. Oscar Eugenio Bellini).

Il premio è rivolto a studenti, ricercatori, italiani e stranieri under 35, che negli ultimi due anni abbiano affrontato, attraverso tesi di laurea o di dottorato, articoli, monografie e saggi, il tema del lavoro con un focus su ambiti particolari come l’innovazione sociale e delle periferie, il lavoro e i nuovi fenomeni migratori.

Tra i 44 partecipanti di questa edizione, la commissione giudicatrice ha selezionato, a pari merito, l’elaborato di Marianna e Riccardo e la tesi di Martina Derito del Politecnico di Torino.

La tesi congiunta di Marianna e Riccardo propone un nuovo modello sostenibile di residenzialità per anziani autosufficienti che prevede il recupero del patrimonio immobiliare in disuso, fornendo una possibile applicazione all’interno delle Mura di Città Alta (Bergamo). Il progetto è stato riconosciuto meritevole di vincere con questa motivazione:

Il lavoro si è concentrato su un tema di estremo interesse in questo particolare fase storica, interesse che è di carattere generale ma che è anche specifico delle amministrazioni locali che si trovano a dover affrontare le problematiche messe al centro della tesi, la gestione e la soddisfazione dei bisogni di anziani ancora autosufficienti. L'elaborato presenta una solida metodologia nello svolgimento, svolge un approfondito lavoro di analisi teorica e disamina le best practice esistenti, offrendo soluzioni operative, un modello abitativo innovativo, per l'implementazione e lo sviluppo di queste progettualità che appaiono significativamente utili per una amministrazione locale.

News Polimi

To top

Weronika Zdziarska - 2021 Winner Riba Norman Foster Travelling Scholarship

Congratulazioni alla nostra studentessa Weronika Zdziarska (Corso di Laurea Triennale in Progettazione dell'Architettura) che ha vinto l'edizione 2021 della Riba Norman Foster Travelling Scholarship con il suo progetto di ricerca 'Don’t Stay Out Alone: addressing women’s perception of safety and freedom in cities by design.'
News Winner announcement

2021 winner
We are pleased to announce the 2021 recipient of the RIBA Norman Foster Travelling Scholarship is Weronika Zdziarska from the Politecnico di Milano, Italy, for her project 'Don’t Stay Out Alone: addressing women’s perception of safety and freedom in cities by design.'

Weronika’s project will evaluate previous interventions carried out by international, regional, and local organisations in South America, to improve the safety of women in cities. Five cities have been selected for evaluation, each representing different attitudes and responses to this area of research: Medellín, Colombia; Quito, Ecuador; Santiago, Chile; Montevideo, Uruguay and Curitiba, Brazil.
The proposal seeks to demonstrate the relationships between gender inequality and design, and to outline best practices for building more inclusive cities.
The judging panel also commended ‘Biofuel Producing Technology; Algae: An Alternative Energy Source’ by Basant Abdelrahman from the American University in Dubai, UAE.

The 2021 judging panel comprised of:

  • Norman Foster, Lord Foster of Thames Bank (Founder and Executive Chairman, Foster + Partners; President, Norman Foster Foundation)

  • Elena Ochoa, Lady Foster of Thames Bank (Publisher and curator; Vice-President, Norman Foster Foundation)

  • Professor Ricky Burdett (Professor of Urban Studies, and director of LSE Cities and the Urban Age Programme; Trustee, Norman Foster Foundation)

  • Sofie Pelsmakers (Assistant Professor Sustainable Architecture and Sustainable Housing Design, Tampere University; Co-founder & Director, Architecture for Change (AfC))

  • Professor Alan Jones (President, RIBA)

The beginning of Weronika’s travel will be subject to the respective government’s confirmation that the travel specified may be safely undertaken. 
RIBA Press

Info: School: RIBA Norman Foster Travelling Scholarship (polimi.it) 
News PoliMi

To top

Eleonora Ripa, laureata Magistrale del Corso di Studi in Architettura e Disegno Urbano accolta dal Sindaco di Caronno Pertusella (VA)

Il vecchio Littorio di Caronno Pertusella, edificio dismesso di Via Italia, è stato al centro della tesi di Laurea Magistrale in Architettura e Disegno Urbano durante la sessione di Laurea del 9 Giugno 2021.
La nostra laureata Eleonora Ripa, ha approfondito l'argomento sviluppando la sua tesi di Laurea “Il Palazzo Littorio di Caronno Pertusella (VA) a novant'anni dalla sua fondazione. 1931 – 2021”, con Relatore di Tesi la prof. Giuliana Cardani e Correlatori i proff. Fausta Fiorillo e Rolando Pizzoli. Il lavoro di tesi è stato illustrato il 29 Giugno presso l’Agorà del palazzo municipale in presenza del Sindaco e dell'assessore ai Lavori Pubblici, Sistemi di connettività del Comune di Caronno Pertusella.

Questa tesi nasce dalla volontà del Comune di Caronno Pertusella (VA) di porre al centro del dibattito pubblico un bene immobile dal profondo valore storico quale è il Palazzo Littorio. Costruito nel 1931 ha vissuto varie fasi importanti della città ponendosi spesso come elemento fondamentale e vitale della comunità. L’abbandono totale, avvenuto agli inizi del XX secolo, ha comportato non solo un suo lento ma continuo degrado fisico ma anche un abbandono graduale della memoria, del suo bagaglio storico. Attraverso una conoscenza generale del periodo che ha preceduto la Seconda Guerra Mondiale, delle architetture e infrastrutture prodotte da e per il Fascismo, si è potuto collocare in maniera piuttosto esaustiva il Palazzo Littorio di Caronno P., uno delle circa 11.000 Case del Fascio costruite. Oltre però, alla conoscenza dei suoi valori intellettuali fondatori, la tesi ha proseguito sulla comprensione dei valori materiali, della costruzione fisica, giungendo a delle prime idee su una nuova valorizzazione dell’edificio. [Eleonora Ripa]

To top

FourC Challenge 2021 | L'esperienza dei nostri studenti

Il 2021 FourC Challenge 24-hour Design Charrette Contest, organizzato dalla Shanghai Jiao Tong School of Design si è concluso dopo 24 ore piene di emozioni e creatività. 

La Shanghai Jiao Tong School of Design ci scrive:
"Il tema di quest'anno è stato "ReVive" - per migliorare il benessere dell'umanità e la riabilitazione di una società post-pandemica. Si è deciso di usare "Flow" come argomento, perché il cambiamento può essere l'unica verità immutabile del nostro mondo. Dall'acqua che scorre, le sabbie mobili e le nuvole in natura, alla folla infinita delle città, la globalizzazione in libero sviluppo, e la connessione onnipresente guidata dalla digitalizzazione, il mondo è tutto un flusso. Tuttavia, al mondo è stato premuto il "pulsante di pausa" a causa dell'improvviso attacco dell'epidemia. Siamo desiderosi di un'apertura ordinata dopo tutti questi blocchi e isolamenti, e insieme diamo il benvenuto al mondo per fluire e connettersi di nuovo.

Il concorso ha invitato accademici della Harvard University, della Tsinghua University, della Cornell University e della Northwestern University a presentare discorsi chiave, fornendo ai partecipanti input innovativi. Quasi 300 studenti provenienti da 70 college e università di tutto il mondo si sono registrati per quest'anno, hanno completato sei sfide innovative in 24 ore, anche nelle aree di team building, problem solving, definizione del gruppo, concetti di design, produzione di prototipi e produzione di video e pannelli espositivi. I prodotti finali sono stati presentati in brevi video di tre minuti con risultati sorprendenti. Docenti professionisti provenienti da più di 20 college e università costituivano la nostra giuria e i nostri mentori, hanno fornito la supervisione e la guida per tutta la durata della competizione. Provenivano dal Politecnico di Milano, dall'Università di Sydney, dall'Università Nazionale di Singapore, dall'Università IE, dall'Università di Hong Kong, dal Politecnico di Hong Kong, dall'Università di Zhejiang, dall'Università di Tianjin, dall'Istituto di Tecnologia di Harbin, dall'Università di Hunan, dall'Accademia di Belle Arti di Guangzhou e altri ancora. 

Dopo due turni di valutazioni concentrate, i gruppi hanno ricevuto un Grand Prize, due First Prizes, tre Second Prizes, e sei Winning Award. I lavori vincitori sono stati esposti pubblicamente sia offline alla mostra Design Shanghai che sul sito ufficiale e sull'account ufficiale della Shanghai Jiao Tong School of Design all'indirizzo https://www.bilibili.com/read/cv11696020. Il loro design coinvolge tutti gli aspetti della vita sociale, compresi i trasporti pubblici, le strutture per gli animali domestici, il sistema di ricreazione all'aperto, le applicazioni e altri aspetti dell'abbigliamento, del cibo, delle abitazioni e del pendolarismo.
Sono stati concepiti per fornire idee di design umanizzate e calde di valore sia per la società che per l'industria nell'era post-epidemica.

I premi assegnati alla Scuola AUIC sono: 

  • Nicolò Chierichetti, studente studente in Architettura e Disegno Urbano ha vinto il Second Prize;
  • Greta Weber, studentessa studente in Architettura - Architettura delle Costruzioni ha vinto il Winning Prize;
  • Wang Junmei, studente studente in Architectural Design and History - Progettazione Architettonica e Storia ha vinto il Winning Prize.

Questo concorso ha condotto in modo innovativo una trasmissione in diretta di quasi 40 ore su Lark e Bilibili, attirando più di 2.000 spettatori durante le ore di punta. Il concorso ha ricevuto un'ampia attenzione e rapporti positivi da più di 70 piattaforme mediatiche professionali di design e mainstream in Cina e all'estero.

Per saperne di più:

"Multidisciplinare, intensiva e multiculturale. Non c'è altro modo per definire questa esperienza, a cui siamo stati onorati ed entusiasti di partecipare come studenti del Politecnico di Milano per questa seconda edizione della FourC Challenge - ospitata dalla Jiao Tong Shanghai, Scuola di Design.

Nonostante alcune difficoltà iniziali legate al differente fuso orario e all’estraneità da questa realtà, possiamo ora dire che siamo stupefatti nel vedere i progetti e i concept stimolanti e innovativi che siamo stati in grado di progettare e realizzare in sole 24 ore, senza conoscersi e con diverse discipline sul campo - dall'Architettura e dal Disegno Urbano al Product Design e Industrial Design. In poco tempo abbiamo messo sul campo i reciproci punti di forza, e abbiamo potuto lavorare come dei super team, per metterci alla prova sul tema della competizione: il “Flow” post-pandemia.

Un altro elemento che ci trova tutti d'accordo è l’essere stati intrigati dal modo di pensare, ragionare e agire dei cittadini del continente asiatico, che è completamente differente dal nostro: estremamente visionari, non hanno limiti quando si tratta di progetti, e come architetti non potremmo avere avuto un esempio più pragmatico di quanto la sensibilità al contesto e il background culturale siano estremamente rilevanti nella nostra professione.

Ci siamo divertiti molto a trascorrere queste intense 24 ore e non solo siamo riusciti a ottenere grandi risultati, ma abbiamo anche stretto amicizie e reti con i nostri colleghi asiatici che dureranno per sempre.

Vi invitiamo a provare a vivere questa avventura: è stata una splendida opportunità per mettere alla prova i nostri limiti e la nostra creatività! Siamo inoltre molto grati alla nostra scuola per averci permesso di portare il nostro contributo e la nostra passione da Milano a Shangai, seppur per “solamente” 24 ore.

Non vediamo l'ora della prossima edizione!

Nicolò, Greta, Junmei"


G10 – AIRHEALTH GRETA WEBER – WINNING PRIZE
Il nostro progetto interpreta l'idea di flusso in termini di salute mentale. La solitudine è sempre stata un problema ed è stata evidenziata ed esacerbata dal lavoro da casa durante la pandemia. Poiché il lavoro da casa è destinato ad essere il futuro del lavoro, non è difficile comprendere il problema dell'isolamento nel nostro mondo post pandemia. Il nostro progetto propone quindi un nuovo sistema, Airhealth, che coinvolge una flotta di droni ed è legato alla nostra app omonima. I cittadini delle megalopoli non saranno più alienati nel nostro mondo sempre più veloce perché Airhealth valuta il tuo stato mentale e suggerisce un appuntamento con le nostre ambulanze aeree che ti portano via direttamente dalla tua finestra. Le nostre ambulanze forniscono una nuova e rinfrescante terapia di fuga aerea, poiché l'assistenza sanitaria continua e personalizzata è disponibile per chiunque e in qualsiasi momento. Servono come una separazione fisica e metaforica dal trambusto e dallo stress mentre volano in alto sopra la città. Puoi goderti la vista e mettere una pausa ai tuoi pensieri impetuosi mentre un terapeuta professionista ti ascolta in un ambiente calmante e rilassante pieno di piante e tessuti morbidi.

G16 – THE URBAN INTERIOR – NICOLO' CHIERICHETTI – SECOND PRIZE
Durante la pandemia, la casa era diventato il luogo dell'isolamento, il quartier generale del lockdown, ma con un progressivo miglioramento della situazione emergenziale, è giunto il momento di risolvere questo paradigma. Lo spazio introverso dell'interno domestico si apre verso l’esterno e si riflette nello spazio urbano, con l'interno come metafora di traslazione del landscape urbano, in cui l’ottica dei precedenti e quotidiani spazi privati si rispecchiano nel mondo esterno.
Gli ambienti della casa - come la cucina, il soggiorno e l'ufficio - mantengono il loro carattere ma si trasformano in spazi esterni e servizi collettivi per colmare le lacune e le carenze di cui abbiamo sofferto durante la pandemia: una nuova occasione di aggregazione per i cittadini nella forma di un ambiente sicuro, plasmabile in base alle esigenze personali e di gruppo - e che si basa sui principi della progettazione partecipata. Un prototipo, adatto a diversi contesti, assemblabile e pensato non solo PER i cittadini, ma anche DAI cittadini.
Questo momento storico ha plasmato profondamente le nostre abitudini, le nostre necessità e i nostri spazi: ora è il nostro turno!
“The flow is ready, Are you?”

G25 – REVIVING CURRENTS– JUNMEI WANG – WINNING PRIZE
In un’epoca post-pandemica, la mobilità transnazionale è in qualche modo ancora limitata, così come i ritrovi su larga scala. Tra gli eventi interessati, l'Expo, in particolare l'Expo business e l'Expo multiculturale, hanno meno probabilità di essere riattivati, con un conseguente sottoutilizzo di spazi espositivi extra-large, recessione economica in particolare per quanto riguarda le piccole e medie imprese negli scambi internazionali e opportunità di esplorazione per il pubblico. Il "flusso", ci ricorda come le correnti oceaniche, nell'era delle scoperte, collegassero le isole navigando e generassero la prima prosperità. Per far rivivere e riabilitare, incarnando questa metafora, cerchiamo di ridefinire gli spazi XL esistenti, utilizzando una serie di "isole" modulari contenenti le mostre molto diversificate, generando attraverso app un percorso di visita sicuro, personalizzato e interattivo per ogni individuo, che viene indicato come le "correnti".

Tre studenti Polimi vincono il concorso di architettura The Tree House

Tre studenti Polimi vincono il concorso di architettura The Tree House | Il progetto di una casa sull’albero che ricerca un forte contatto con la natura
Tre studenti del Politecnico di Milano hanno vinto il primo premio al concorso internazionale di architettura The Three House, organizzato da D&A Publishers.

Sara Alinovi, studentessa di Architecture - Built Environment - Interiors, Elda Arcieri, studentessa di Architettura delle Costruzioni, e Lorenzo Piermarini, studente di Architettura delle Costruzioni, con il progetto Framing the Nature, hanno esplorato il tema della casa sull’albero evidenziandone il richiamo all’infanzia, creando un’atmosfera quasi fanciullesca e cercando una forte relazione con l’elemento naturale.

Il progetto prende forma dall'interrelazione di tre moduli che appaiono come l'essenzializzazione della forma archetipica dell'abitazione di montagna e che acquisiscono complessità nel relazionarsi tra loro. Ogni modulo ospita funzioni specifiche pensate per un soggiorno temporaneo alla ricerca del contatto con la natura. Piccole e grandi finestre incorniciano il contesto naturale da diversi punti di vista, permettendo di ammirare ora il fitto della foresta, ora il cielo stellato.

Per saperne di più: 

To top

2021 WorldLandscapeArchitect Student Awards

La Scuola AUIC e il Coordinatore del Corso di Studi in Landscape Architecture. Land Landscape Heritage (LLH) prof. Antonio Longo sono orgogliosi di annunciare che il 2021 WorldLandscapeArchitect Student Awards abbia assegnato due rilevanti riconoscimenti a due progetti di nostre laureate del primo ciclo.
2021 WLASA Announcement | Un successo delle studentesse è un successo della Scuola e del Corso Landscape Architecture. Land Landscape Heritage.

Sara Ingignoli, seguita da Miriam Garcia e Eleonora Santoro seguita da Hope Strode e Michael Jakob.
Grazie a Sara Ingignoli ed Eleonora Santoro che avete dato fiducia al progetto del Corso di Studi in Landscape Architecture. Land Landscape Heritage e ai docenti che vi hanno guidato.

Eleonora Santoro
Il progetto Ignite Woods ha una doppia anima: da un lato vuole portare l'attenzione sull’incremento degli incendi boschivi vicino ai centri urbani, in relazione al cambiamento climatico; dall'altro, vuole alimentare diversi “falò culturali” nascosti tra i boschi nati dall'abbandono delle pratiche agricole.
In Italia una delle aree più colpite dal processo di abbandono dei terreni agricoli è quella del bacino del fiume Po, dove sono presenti zone prevalentemente boschive sui rilievi, mentre la pianura è occupata principalmente da pratiche agricole intensive. Dove le due aree si incontrano, si forma una zona di transizione frammentata con aree urbane. Prima la maggior parte di questi territori erano dedicati all'agricoltura, mentre oggi possiamo vedere i risultati di una corsa alla riconquista del territorio da parte dei boschi e delle aree urbane, processo incontrollato e non pianificato che ha generato situazioni in cui le città hanno circondato vaste aree boschive.
Come risultato del cambiamento climatico, le città sperimenteranno presto l'aumento delle temperature oltre a prolungati periodi di siccità. Regioni che inizialmente non avevano di che preoccuparsi stanno ora sperimentando una frequente attività di incendi boschivi, come in Piemonte dove l'allerta incendi copre il periodo dal 1° novembre al 31 marzo. Lo stato di massima allerta, invece, nel 2020 è stato posticipato di quasi un mese rispetto al periodo ordinario di pericolo. Questo rinvio rischia di essere sempre più prolungato nei prossimi anni, rendendo i boschi sempre più vulnerabili.
Ma di quali boschi stiamo parlando? Le loro sfaccettature sono molte, eppure siamo abituati a pensare ai boschi come equivalenti della Natura pura, dimenticando che erano le nostre case quando ancora vivevamo tra le loro chiome e ci muovevamo lungo le autostrade formate dai loro rami. Erano, e sono tutt’ora, una fonte di svariate risorse, oltre ad essere percepiti oggigiorno come preziosi santuari per l'anima. All'interno di un bosco c'è molta più umanità di quanto si possa pensare.
L'obiettivo del progetto, dunque, è quello di mitigare il rischio futuro di incendi nella Valle del Sizzone – Piemonte, Italia - e di valorizzare e riattivare un'area dai molti valori, da quelli ecologici, a quelli produttivi e turistici. Per raggiungere questo obiettivo, sono stati utilizzati strumenti di landscape adaptation: a partire dalle pratiche agroforestali, che permettono di ridurre l'erosione, di proteggere le colture, di migliorare la qualità dell'acqua e la diversificazione delle imprese agricole; introducendo ecological spots, aumentando la biodiversità del sito e fonti di cibo disponibile per la fauna selvatica; recuperando i canali agricoli abbandonati, trasformandoli in punti di raccolta dell’acqua piovana per irrigare, mitigare la siccità e facilitare la mobilità all'interno del bosco quando non sono in uso.
Per verificare l’efficacia degli strumenti introdotti, sono state prodotte due mappe di previsione del rischio di incendio – elaborate attraverso l’utilizzo dei software GIS - con e senza strumenti di mitigazione. Mettendole a confronto, si può notare come il pericolo di incendio diminuisce in media in tutta la valle con l’introduzione del progetto.
Tra settant'anni, vedremo i nostri boschi andare a fuoco o illumineremo i nostri boschi? 

Sara Ingignoli
Formes de Mar. I paesaggi costieri sono al giorno d’oggi tra i più minacciati: spazi di transizione che l’acqua ha disegnato nel tempo e i cui habitat differenti vivono in uno stato di continua tensione e cambiamento. Oltre alle pressioni correnti che già gravano su questi paesaggi, il cambiamento climatico pone nuove sfide che possono cambiare profondamente la configurazione di questi luoghi.
Il progetto si concentra sulla soglia tra terra e mare, il principale palcoscenico dove questi fenomeni di transizione hanno luogo, lo spazio di confluenza di habitat marini e terrestri e quello che per primo si troverà ad affrontare le pressioni principali causate dal cambiamento climatico e provenienti da questi due estremi: ambiente marino e terrestre.
Presso il Delta del Llobregat, forgiato dal fiume Llobregat ad Ovest di Barcellona, l’interazione tra i diversi paesaggi che lo compongono si materializza in una grande diversità di ambienti acquatici in uno spazio relativamente piccolo: lagune, stagni, zone umide e canali convivono nelle aree naturali prossime alla costa. Come si può preservare l’unicità propria di ciascuno di questi paesaggi d’acqua considerando l’inevitabile cambiamento a cui questi vanno incontro come conseguenza del cambio climatico, e più in particolare, dell’innalzamento del mare?
Lo scopo del progetto è quello di immaginare nuove configurazioni di paesaggi d’acqua e scenari futuri prendendo come un’opportunità l’innalzamento del mare per disegnare nuove esperienze e costruire una variabilità morfologica e psicologica che permetta di avere un’esperienza della costa in continuo cambiamento. L’orizzonte del progetto va oltre quella che è solitamente concepita come la linea immaginaria del mare, quindi considerando anche lo spazio marino attraverso un unico gesto in cui mare e terra si incontrano creando nuove situazioni di transizione che rafforzano entrambi e forniscono protezione per il futuro. L’innalzamento del mare innescherà nuove coesistenze che si dispiegano nel tempo, in cui l’acqua diventa ancora una volta elemento strutturante di questo paesaggio, rispondendo al rischio di una generale omogeneizzazione della biodiversità legata agli ambienti acquatici con una diversificazione di opportunità a questi legati. Come si può disegnare dunque questo incontro tra mare e terra?
La costa del Delta del Llobregat ha l’opportunità di diventare il futuro parco metropolitano marittimo di Barcellona, affrontando problemi quali la frammentazione del territorio, la vulnerabilità della costa verso i cambiamenti climatici, la mancanza di consapevolezza da parte dei cittadini rispetto ai problemi che questo ambiente affronta e la perdita di biodiversità. Con il passare del tempo, i punti di riferimento di oggi situati nel delta diventano ‘water hubs’: hotspots ricreativi, didattici, di ricerca e produttivi il cui filo conduttore è l’acqua, definendo una matrice di esperienze interconnesse attraverso cui seguire la nuova forma che il mare assume scontrandosi con la terra.

To top

I PoliMappers a Bogotà per la mappatura umanitaria

IMM DesignLab sperimenta un modello di voluntary mapping replicabile in altri contesti territoriali.

Il 26 Marzo 2021 si è tenuta un’originale esperienza di mapathon, evento di mappatura collaborativa e umanitaria, con l’obiettivo di censire gli insediamenti informali nel territorio di Bogotà, in Colombia.

Il contesto è stato quello del progetto di tesi magistrale di Maria Alejandra Rojas Bolanos e Silvia Raviscioni, due studentesse di Ingegneria Edile - Architettura al Politecnico di Milano, che stanno svolgendo il loro lavoro di ricerca all’IMM DesignLab, diretto dal professor Massimo Tadi.

Un’indagine sulla riqualificazione delle baraccopoli che ha un obiettivo ambizioso: proporre una possibile soluzione ad uno dei fenomeni mondiali che interessano molte città del mondo, ovvero la proliferazione di insediamenti abitativi illegali a causa delle rapide urbanizzazioni.

Ma la mappatura dei territori a scopo di studio è spesso troppo onerosa, dal punto di vista del rapporto tra tempo, risorse impiegate e risultati.

L’idea è stata quella di far nascere una collaborazione con i PoliMappers, un gruppo di studenti volontari del Politecnico parte del network internazionale di YouthMappers in qualità di primo local chapter europeo, che si pone l’obiettivo di formare una nuova generazione di mappatori promuovendo nelle loro attività la cultura del software libero e aperto. Collaborazione che si è rivelata estremamente fruttuosa.

In questo modo, dopo una prima fase cruciale di raccolta dati sul campo con l’applicazione di Mapillary a opera della ONG Techo, il gruppo, con il coordinamento di Chiara Ponti e Federica Gaspari – rispettivamente presidente e faculty advisor di PoliMappers – e con il supporto del local chapter colombiano YouthMappers Semillero Geolab UdeA, ha organizzato un evento online di mappatura in ambiente OpenStreetMap che ha coinvolto 70 persone del Politecnico e non solo.

L’incontro del 26 marzo ha rappresentato inoltre una parte integrante del corso di didattica innovativa del catalogo Passion in Action "Collaborative and Humanitarian Mapping", supportato dal corso magistrale di Ingegneria Geoinformatica e coordinato dalla professoressa Maria Antonia Brovelli, a cui hanno partecipato 61 studenti del Politecnico di Milano.

L’ottimo risultato ottenuto ha fatto sì che questa esperienza diventi un progetto pilota per un’attività di voluntary mapping che potrà essere replicata in altri ambiti dove il Politecnico sta facendo ricerca sul territorio, come Dakar, Maputo e Quelimane.


Il primo corso in Italia di “Architecture for Human Space Exploration” del Politecnico di Milano si e' concluso.

Il primo corso in Italia di  “Architecture for Human Space Exploration” del Politecnico di Milano si e' concluso con un alto livello nel superamento degli esami. Il corso, in lingua inglese e ad alto grado di internazionalizzazione, è stato seguito da 91 studenti ed inserito sia nel percorso della laurea triennale sia in quello della laurea magistrale. 

La docente del corso, Valentina Sumini, Visiting Professor al Politecnico di Milano e Research Affiliate al MIT Media Lab ha condotto gli studenti attraverso un percorso formativo fortemente interdisciplinare, con il supporto di molti seminari tenuti da esperti internazionali nel settore dell'aerospazio, con la realizzazione di progetti ad alto impatto come testimoniato dalle immagini in allegato relative ad alcuni di essi. 

Nel quadro dell’esplorazione umana dello spazio e del tema dell’interazione uomo-macchina, Valentina Sumini e’ tra gli organizzatori del Workshop SpaceCHI 2021 (https://spacechi.media.mit.edu) , promosso da MIT Media Lab, Politecnico di Milano, NASA, TU Wien, San Jose State University e University College London, dedicato alla Space Human Computer Interaction, nell’ambito della conferenza  Computer Human Interaction, CHI 2021. 

Alla prossima Biennale di Venezia 2021 verranno esibiti due progetti ai quali Valentina Sumini ha contribuito. 

AUIC Students Honorable Mentions Competition

Sanad Wir, una laureata della nostra Scuola, ha recentemente partecipato ad un concorso (Pavilion Of Humanity Held By Bee Breeders) con altri due suoi colleghi della nostra Università (Diogo Ferreira e Juan Jaramillo Londoño).
Hanno ricevuto delle menzioni d'onore per il loro lavoro.
Bee Breeders ha ricordato pubblicamente che sono laureati del Politecnico di Milano.
Sanad Wir, Diogo Ferreira e Juan Jaramillo Londoño volevano farci sapere che considerano questa una vittoria sia per loro che per la nostra Università!

Grazie!
Congratulazioni!

To top

YoutubeiTunes UInstagrramLinkedIn
Piazza Leonardo da Vinci 32, 20133 MilanoDove Siamo