SCUOLA DI
ARCHITETTURA URBANISTICA INGEGNERIA DELLE COSTRUZIONI

Corsi BIM 2018 per professionisti al Politecnico di Milano - Marzo/Aprile

Stiamo preparando un programma 2018 ricco di novità e importanti approfondimenti. Ecco in anteprima alcune delle novità già disponibili a partire da Marzo. Diversi altri nuovi corsi sono in approvazione e ve li sottoporremo quanto prima... Let's keep in touch.

In arrivo a partire da Marzo corsi di:

  • Revit Base
  • Revit Avanzato
  • Revit Families
  • Dynamo for Revit
  • Revit Workflow & Interoperability

Se siete interessati scriveteci, vi invieremo informazioni e date appena disponibili.

I corsi sono interamente svolti in aula informatica al Politecnico di Milano, dip. DAStU, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti e con l’Ordine degli Ingegneri. I corsi sono aperti a tutti i professionisti d'Italia.

Ai partecipanti saranno riconosciuti da 20 Crediti di Formazione Professionali per Architetti fino ad un massimo di 30 Crediti di Formazione Professionali per Ingegneri, a seconda del corso e delle modalità.

  

I NOSTRI CORSI IN PROGRAMMAZIONE

(clicca sul titolo per leggere il programma detagliato)


dal 05-03-2018 al 20-03-2018

Il corso è aperto a tutti i professionisti e richiede una buona conoscenza di base di Revit. Ai partecipanti saranno riconosciuti da 20 CFP per Architetti, 30 CFP per Ingegneri.

dal 14-03-2018 al 29-03-2018

Il corso è aperto a tutti i professionisti e richiede una buona conoscenza di base di Revit. Ai partecipanti saranno riconosciuti da 20 CFP per Architetti, 28 CFP per Ingegneri.

dal 14-03-2018 al 29-03-2018

Il corso è aperto a tutti i professionisti e richiede una buona conoscenza di base di Revit. Ai partecipanti saranno riconosciuti da 20 CFP per Architetti, 30 CFP per Ingegneri.

dal 10-04-2018 al 19-04-2018

Il corso è aperto a tutti i professionisti e richiede una buona conoscenza di base di Revit. Ai partecipanti saranno riconosciuti da 20 CFP per Architetti, 30 CFP per Ingegneri.

Con l'attivazione del Nuovo Codice degli Appalti, il mercato richiederà sempre più - come già sta facendo, ma senza ancora trovare adeguata soddisfazione - FIGURE PROFESSIONALI ESPERTE nell'utilizzo degli strumenti BIM di simulazione digitale per l'architettura. 

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti ha firmato il decreto che definisce le modalità e i tempi di introduzione dell’obbligatorietà dei metodi e degli strumenti elettronici di modellazione per l’edilizia e le infrastrutture nelle stazioni appaltanti, per razionalizzare le attività di progettazione e le relative verifiche.

“Un passaggio importante – afferma il Ministro – che risponde a una innovazione del settore e porterà trasparenza, efficienza e più qualità nella progettazione e realizzazione delle opere”.

Si tratta, infatti, di un intervento utile nel perseguimento di una migliore qualità dei progetti e delle opere, criterio ispiratore del Nuovo Codice dei Contratti Pubblici, in quanto, attraverso la digitalizzazione del settore delle costruzioni, si apportano benefici alla spesa pubblica e ai prodotti immobiliari o infrastrutturali e si rende più efficiente l’operato degli attori sul versante dell’offerta, con il conseguente incremento della loro redditività. Secondo alcuni studi ed esperienze, questo tipo di progettazione innovativa può consentire almeno il 10% di risparmi di spese di gestione e risparmi lungo tutto il ciclo dell’opera, abbattendo il ricorso alle varianti e prevedendo per tempo le manutenzioni necessarie.

L’obbligo all’utilizzo dei metodi e degli strumenti elettronici di modellazione decorre dal 1 gennaio 2019 per le opere di importo pari o superiore a 100 milioni di euro, e poi via via per importi minori a decorrere dagli anni successivi al 2019 fino alle opere di importo inferiore a 1 milione di euro, per le quali il termine decorre dal 1 gennaio 2025.

  

Cos'è il BIM

Il BIM nasce dalla necessità di gestire l’integralità del processo edilizio – concept, design, costruzione, gestione lungo l’intero ciclo di vita, demolizione e riciclo – facendo ricorso ad ambienti software di modellazione architettonica, strutturale, impiantistica e gestionale interamente basati su un unico modello 3D.

Dall’integrazione delle informazioni contenute nel modello dell'edificio è possibile elaborare anche i tempi (4D) e i costi (5D) di costruzione dell’opera. La gestione di tutti gli aspetti legati alla sostenibilità e alle performance energetiche (6D) e la manutenzione nell’ambito di un Facility Management (7D) sia per determinare i piani di manutenzione, sia per gestire al meglio gli interventi stessi.

Un modello 3D che unisca le informazioni tecniche con quelle gestionali costituisce un nuovo modo di lavorare tra progettisti, imprese e committenti, più efficiente ed efficace, che può portare notevoli vantaggi in tutto il settore delle costruzioni e delle opere pubbliche.

  

Perchè il BIM

Come ormai ribadito in molte sedi a livello nazionale ed internazionale,

il BIM è un’esigenza.

In molti Paesi si può partecipare ai concorsi pubblici solo con progetti realizzati in BIM.

E' ormai uno standard internazionale per la presentazione di progetti edilizi ed infrastrutturali in moltissome nazioni. Ma non solo.

Aggiornare le proprie competenze sull'utilizzo degli strumenti digitali per il progetto significa migliorare la propria professionalità, lavorare meglio e in modo innovativo, risparmiare tempo.

Essere pronti alle sfide del mercato è un'esigenza per tutti, in particolare nel mondo dell'edilizia. Il BIM è un processo, un metodo di lavoro, un modo per condividere le informazioni all'interno di un team formato da professionisti che possono essere delocalizzati ovunque. Il BIM non è un programma, ma è l'utilizzo organizzato e concordato di molti programmi da parte di molti professionisti.

Il Bim rappresenta un nuovo esperanto per l'architettura, l'ingegneria e l'edilizia.

Se non trovate in elenco i programmi che cercate o che vorreste non esitate a contattarci, il vostro feedback è molto importante per la programmazione dei corsi futuri. 

Per informazioni di carattere amministrattivo e iscrizioni: fp-dastu@polimi.it  - TEL. 0223995019

Per informazioni su contenuti e su programmi: andrea.cammarata@polimi.it 

Per contattare il Direttore del corso: luigi.cocchiarella@polimi.it