SCUOLA DI
ARCHITETTURA URBANISTICA INGEGNERIA DELLE COSTRUZIONI

Borse di Studio e Premi di Laurea

Risorse web per Borse di Studio internazionali

Riconoscimenti

In questa sezione sono raccolti i riconoscimenti conferiti a progetti di studenti e laureati della Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni.

2018

Torna su

Skyscraper Competition 2018

TRE STUDENTI DEL POLITECNICO VINCONO LA SKYSCRAPER COMPETITION 2018

SKYSHELTER.ZIP È UN GRATTACIELO PIEGHEVOLE ISPIRATO AGLI ORIGAMI, ALLESTIBILE NELLE ZONE COLPITE DA CALAMITÀ NATURALI

 

Il progetto Skyshelter.zip, presentato da tre studenti del Politecnico di Milano, ha vinto la Skyscraper Competition 2018, uno dei più prestigiosi premi internazionali di architettura verticale organizzato da eVolo Magazine.

 

Jakub Kulisa, Damian Granosik e Piotr Pańczyk, della Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni, hanno ideato un innovativo concept di grattacielo pieghevole ispirato agli origami, che può essere facilmente trasportato e dispiegato in zone colpite da calamità naturali.

 

Quando si verifica un terremoto, un’alluvione o un uragano, le infrastrutture sono spesso danneggiate, rendendo difficile la costruzione di abitazioni d’emergenza. Skyshelter.zip tenta di affrontare queste criticità, proponendo una struttura che offra una grande superficie utilizzabile, ma che allo stesso tempo sia compatta, facile da trasportare e allestibile nel minor tempo e con il minimo sforzo. 

 

L’intera struttura è ripiegabile in maniera simile a un origami o a una fisarmonica. Il contenitore può essere trasportato con gli elicotteri comunemente utilizzati dalle squadre di soccorso, rendendo più facile raggiungere zone al di fuori delle reti di trasporto. La superficie occupata da Skyshelters.zip è in media trenta volte più piccola di quella richiesta per ospitare le tende e i container abituali. 

 

Skyshelter.zip può essere dispiegato senza sforzo e istantaneamente anche su un suolo instabile. Dopo aver ancorato i supporti di base al terreno, la struttura si sviluppa in altezza grazie a dei palloni di elio. I muri interni ed esterni sono stoffe attaccati a lastre. A seconda della quantità di gas inserito nel pallone, si può controllare il numero di piani da far svolgere. In questo modo, con un modulo prodotto in serie è possibile affrontare eventi imprevisti di differente scala.

 

La struttura è concepita per offrire un centro multifunzionale per tutte le operazioni di soccorso. A seconda dei bisogni, varie attività possono essere svolte all’interno, tra cui l’accoglienza, il pronto soccorso, alloggi temporanei, magazzino e giardino verticale che sfrutta il terreno raccolto durante il montaggio. L’edificio è inoltre in grado di produrre energia pulita per suo funzionamento.

Torna su

1st International Elite Universities Dragon Boat Championships

Il nostro studente Pietro Olioso che sta frequentando il secondo anno di Laurea Magistrale alla Tsinghua University di Pechino, nell’ambito del programma di scambio internazionale, di cui è promotore dello scambio il prof. Luca M. F. Fabris, condivide con noi questo successo.

 

Negli scorsi giorni Pietro ha partecipato, assieme alla squadra ufficiale dell’università che lo ospita, alla 1st International Elite Universities Dragon Boat Championships, un torneo che include diversi sport aquatici (canoa, kayak, stand-up paddle, dragon boat). Hanno preso parte alla competizione quindici università tra cui Harvard, Oxford, MIT, Stanford, e Tonji. Della squadra di Pietro Olioso ben quattro componenti sono alunni del Politecnico di Milano in scambio alla Tsinghua University: Pietro, dalla Scuola AUIC, due studenti dalla Scuola di Ingegneria ed una studentessa dalla Scuola di Design.

Insieme a i suoi colleghi cinesi hanno conquistato la medaglia di bronzo nello stand up paddle e si sono qualificati ottavi nei 200 metri dragon boat e noni nei 2000 metri dragon boat. È stata una grande soddisfazione sia per il Politecnico di Milano che per la Tsinghua University che ha creduto nei nostri studenti e che è stata ripagata con un assegno-premio di 8000 RMB (circa 1200 euro) e apparendo con orgoglio su una delle più importanti tv nazionali. Tuttavia non si tratta solamente di un orgoglio cinese ma anche del Politecnico di Milano.

 

Complimenti a Pietro e a tutti gli altri studenti del Politecnico di Milano.

Torna su

Award "Les Grands Prix du design" al VIAGGIO DELLA PAROLA

Il Viaggio della Parola, concepito da Ginette Caron (ideatrice) con art direction e cutratela di Marco Imperadori (Politecnico di Milano) e Alessio Pesenti (Nordzinc), nasce dal recupero e restauro di tutte le scritte del Padiglione Vaticano in EXPO 2015. A seguito della demolizione del padiglione si sono salvate le scritte “Non di Solo Pane” e “Dacci oggi il nostro Pane” in 13 lingue e si sono individuati diversi luoghi nel mondo, religiosi ma anche laici, dove riposizionare queste scritte che prendevano vita grazie all’ombra che il sole da esse proiettava sulla facciata del padiglione.

Torna su

2017

Torna su

Studenti del Laboratorio di Progettazione 1, LM Architecture, condotto dal Prof. Matteo Poli

Tra il 2013 e il 2017 gli studenti del Laboratorio di Progettazione 1, LM Architecture, condotto dal Prof. Matteo Poli in collaborazione con colleghi strutturati e a contratto, si sono aggiudicati diversi premi e riconoscimenti.

Laboratorio 2016-2017 Europan 14 (Matteo Poli, Roy Nash, Francesca Neonato)

Acerbi Matteo; Akcicek Sena; Aksenfeld Valeriia; Angelico Gabriel; Badillo Erika Renee'; Barone Sara Stefania; Bocquier Baptiste; Bordoni Federico; Carosini Bianca Dèonnella; Caserini Michela; Ceppa Fabrizio; Chanwipat Sirawat; Constans Jonathan; D'alessio Margherita; D'Odorico Borsoni Giovanni; De Bellis Matteo; Feldová Lucie; Felline Rebecca; Gatti Benedetta; Georgievska Elena; Hoarau Isalyne; Huang Hongli; Iembo Marco; Kasinska Zofia Maria; Krzykawska Patrycja Katarzyna; Kunic Anja; Lichtenfeld Adi Chaya; Loureiro Tiago; Majkowska Agnieszka; Maletkovic Mira; Matharu Amrita Kaur; Moschini Monica; Muner Matteo; Murari Laura; Musiyachenko Alina; Netrvalová Johana; Niu Jing; Olioso Pietro; Olivari Carlotta; Orlando Ida; Ozdemir Eda; Paksashvili Sophia; Panta Bellido Katheryne Roxana; Paparcone Alessandra; Pasquali Margherita; Perevoznikov Gleb; Pesenti Giorgio Carlo; Poghosyan Lilit; Poinelli Lisa; Ponizy Anna Weronika; Qehaja Artina; Rodríguez González Isabel Brigida; Sankaranarayanan Shashank; Sathyamurthy Kabilan; Senatorova Kristina; Sokolova Evgeniia; Suleimanov Arsen; Sun Zhixing; Tomasevic Milena; Tosarello Giulia; Van Peborgh Delfín; Venini Francesca; Verstappen Silke; Villa Matilde; Visentini Lorenzo; Zentilomo Lara; Zivic Marija

2 menzioni speciali, 1 progetto finalista, 4 progetti tra i migliori sei.

Finlandia, Progetto Tornio Haparanda Common Ground WY878, Special Mention

Croazia, Progetto Sibenik Productourism KG354, Special Mention

Olanda, Progetto Amsterdam Produ(A)Ctive Papaverdriehoek NP407, Shortlisted

Belgio, Progetto Tubize On Hold MX380, Preselected

Spagna, Progetto La Bazana Domino Effect OH073, Preselected

Norvegia, Progetto Alta Seafactor(Y) GS626, Preselected 

Svezia, Progetto Karlskrona Productive Stitch  NA789, Preselected

2014-2015 Ohrid Water Sports Club (Matteo Poli, Roy Nash, Roberto Mazzoni)

Abdelkarim Mohamed; Al Jebawi Ghiath; Alia Arin; Altintepe Sunay; Benatti Beatrice; Bieling Leo Claudius; Böhmer Alexandra; Casini Elena; Catalano Sophie, Olivia; Chang Xinyi; Charnysh Tatsiana; Chen Xiaopeng; Chu Wanru; Chu Ngoc Huyen; Corradin Gabriele; Cucciniello Alessia; D'alessio Massimo; De Biase Paolo; Di Carlo Annalisa; Fancelli Marco; Fantini Francesca; Faraji Ali; Faraji Mohammad; Guazzolini Giacomo; Gullo Matteo; Guo Wei; Hajizadehmirkoohi Majid; Iritano Severino; Jovanovic Danica; Lacchini Biancamaria; Logarajan Suhash; Luraschi Laura; Malavolti Greta Caterina; Mangematin Pierre, Joseph; Martinovic Andrija; Mirkovic Milos; Otasevic Sanja; Paino Tommaso; Palladino Julia, Helena, Candida; Paraskevopoulos Astris; Pawlik Katarzyna; Podini Andrea Emanuele; Procaccio Marta Iole; Rapini Matteo; Relaes Damiaan; Rodic Nikola; Sae-Eng Chuthathip; Sarara Wioletta; Scaravaggi Claudia; Sirugo Nicola; Sposini Dario; Stancheva Viktoriya Svetoslavova; Stefanovic Aleksandra; Stoev Iliyan; Stoyanov Hristiyan; Su Wei; Sukhareva Irina; Tognù Luca; Triantafyllidou Eleni; Virdis Valeria; Vissani Susanna; Wan Lu; Wang Yani; Zanetti Giulia; Zangrandi Michela

Primo premio, 3 menzioni e 3 finalisti.

2012-2013 Tallinn Biennale (Matteo Poli, Riccardo Mazzoni, Alessandro Rocca)

Ahumada Alfonso; Albertini Vittoria; Babicurosevic Marko; Bacuzzi Marta; Bonatti Giada; Butta Chiara Maria; Ceschini Mattia; Cotardo Caterina; Destro Aurora; Durovic Milorad; El Awar Bahaa; Fatima Niyazbekova; Fourcade Lourdes; Gaioni Giovanna; Galli Davide; Galli Silvia; Galvan Jair De Jesus; Garzoni Di Adorgnano Maria Elena; Jakic Nina; Kakiuchi Hiroyuki; Karadeniz Berke; Khademipour Arezoo; Khmyz Stepan; Levy Aviad; Lorenzoli Giorgio; Marelli Vittorio; Marongiu Stefano; Mece Edian; Meloni Valentina; Mitrotasios Panagiotis; Monti Federica; Moshfeghi Navid; Napolitani Margherita; Ornaghi Nicolò; Orsini Clarissa Benedetta; Pasino Eleonora; Prosdocimi Giovanni; Radaelli Riccardo Carlo; Ramonaite Ieva; Rezaeehagh Hossein; Roldán Virginia Esther; Roque Delphine; Rosmarini Nicolo; Rossi Vittoria; Ruzza Elena; Saduakassova Aigerim; Smirenina Valentina; Tofighi Mona; Treijar Sander; Trucato Lorenzo; Tunali Cansu; Villa Riccardo; Zatti Paola; Zhang Xu; Ziaei Naeini Khatereh; Zorzi Francesco; Zorzi Laura

Invito a curare e presentare i progetti del corso alla Biennale di Tallinn - Recycling Socialism.

Torna su

Concorso per il recupero dell'area dell'Ex Arsenale Militare di Pavia

Il progetto degli studenti Andrea Pellicioli e Dario Michencigh elaborato l'anno scorso all'interno del Laboratorio di Progettazione Architettonica, II anno,  tenuto dai professori Elvio Manganaro, Micaela Bordin e Luca Monica, si è aggiudicato il primo premio (€ 500) del Concorso indetto dall'associazione Pavia Monumentale per il recupero dell'area dell'Ex Arsenale Militare di Pavia e riservato alle tesi di laurea e ai progetti didattici che hanno come oggetto proprio l'area dell'Ex Arsenale.

Storicamente l’Ex Arsenale si è configurato come una vera e propria cittadella cinta da mura e recinzioni, con all’interno officine, magazzini, uffici e spazi dedicati ai servizi per gli operai, il tutto distribuito su di una superficie pari a circa 140.000 metri quadri.

Torna su

MultiComfort House Student Contest Edition 2017

Gli studenti Eva Biava e  Matteo Catamessa del corso di laurea magistrale in Architettura (PSPA in Progettazione tecnologica e ambientale) hanno vinto la fase nazionale del MultiComfort House Student Contest Edition 2017, promosso da Saint-Gobain Isover.

Il 1 Giugno 2017, a Madrid, insieme a tutti i vincitori delle diverse fasi nazionali, presenteranno il loro progetto di fronte a una giuria che assegnerà il  premio internazionale.

Torna su

2016

Torna su

Sports + Ri-FormareMilano

Il Premio, organizzato dalla Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni e dalla Universidad CEU San Pablo con il sostegno di ingesport. 

Il premio mira a sostenere il talento degli studenti triennali e magistrali delle due Scuole (italiana e spagnola) nel contesto del progetto Ri-Formare Milano, dedicato alla trasformazione dei luoghi abbandonati e in disuso nell'area milanese.

 

I edizione del Premio SPORTS+RIFORMARE MILANO
I sei progetti selezionati dalla Commissione sono i seguenti: 

  • CATEGORIA ARCHITETTURA

1. Primo Premio EX AEQUO
Codice: MEFRA6
Autori:  Francesco Cappelletti, Margarita Kojouharova, Elena Rigamonti
Titolo del Progetto: SPORT - RUB

2. Primo Premio EX AEQUO 
Codice: PLA416
Autori:   Pietro Amato, Lucilla Perugini, Federica Savoldelli, Anna Vitali
Titolo del Progetto:  PLUG-IN

3. Terzo Premio
Codice: EFS001
Autori:  Elena Balestrieri, Francesca Poloni, Silvia Pizzadilli
Titolo del Progetto: SPORT AS ENHANCEMENT (...)

  • CATEGORIA URBANISTICA

1. Primo Premio
Codice: WE3MIL
Autori:  Cristina Bernal Álvarez, Michela Bertolotti, Julia Burón Bajo, Pilar Cano-Lasso Carretero
Titolo del Progetto: WE RECYCLE MILAN


2. Secondo Premio 
Codice: BIG891
Autori:  Gabriele Boretti, Tommaso Castoldi, Riccardo Ceccarelli, Tommaso Pieri
Titolo del Progetto: senza titolo

3. Terzo Premio
Codice: ECLM24
Autori:  Margarita Pueyo Diaz, Laura Sanchez Morales, Emanuele Ricci, Cristina Romero Cano 
Titolo del Progetto: ALTER MILANO

Torna su

Expo/NUTAU 2016 - BRASILE

Una tesi del Master TAS 2009 (Polimi 1/3, Polimi 2/3, Polimi 3/3) ha vinto il primo premio al Concorso Internazionale EXPO/NUTAU di San Paolo Brasile e una tesi del 2008 (Polimi1) menzione speciale nella categoria Accademia.

polimi 1/1 è la tesi di laurea che ha ricevuto la menzione speciale e polimi 1/3, polimi 2/3 e polimi 3/3 sono le tavole della ricerca Master TAS 2009 che ha vinto il primo premio nella categoria Accademia.

https://www.usp.br/nutau/nutau.html  


(Prof. Cesare Blasi e Prof. Gabriella Padovano)

 lista e risultati dei partecipanti


Torna su